Czech Mate (2007)

Delizio gioco di parole tra “compagno ceco” e “scacco matto”, ecco “Czech Mate” (2007) di Elizabeth Darrell, pseudonimo collettivo di Edna Dawes ed Emma Drummond.
Si tratta della terza avventura del personaggio Max Rydal.

Ecco la trama:

Capo della Sezione Speciale 26 di investigazione, Max Rydal e il suo vice, il sergente maggiore Tom Black, sono chiamati ad investigare sul brutale attacco ai danni di un ragazzo durante un party di classe. Intanto, la sicurezza va implementata durante una torneo scacchistico, e Max si ritrova ben presto in un caso intricato, finché non gli viene presentato uno degli scacchisti partecipanti al torneo: l’affascinante Livya Cordwell…

L.

– Ultimi post simili:

Annunci
Pubblicato in Libri | Lascia un commento

Colossus: The Forbin Project (1970)

Dopo quasi cinquant’anni di colpevole ritardo, arriva finalmente anche in Italia – grazie al DVD Penny Video (Shockproof) – il film “Colossus: The Forbin Project” (1970) di Joseph Sargent, tratto dal romanzo omonimo del 1966 di D.F. Jones, uscito in Italia come numero 475 della collana “Urania” (Mondadori) il 19 novembre 1967.
Per motivi misteriosi, il romanzo è uscito subito da noi e il film è rimasto inedito fino ad oggi…

Mentre il super-computer organizza ogni aspetto della vita umana sul pianeta, ha anche il tempo di giocare a scacchi con il suo creatore: il dottor Charles Forbin (Eric Braeden).

L.

– Ultimi post simili:

Pubblicato in Film | 6 commenti

Professor T. (2015)

Il geniale Jasper Teerlinck (Koen De Bouw) gioca a scacchi con Walter De Paepe (Carry Goossens)

Continua su La7 la prima visione della serie televisiva belga “Professor T.” (2015), e l’episodio trasmesso sabato 24 novembre 2018 – 1×07, Omicidio in maschera (De maskermoorden, 1° novembre 2015) – presenta una deliziosa scena scacchistica: una partita fra il protagonista Jasper Teerlinck (Koen De Bouw) e Walter De Paepe (Carry Goossens).

Il Professor T dà scacco matto anche di spalle!

Gli scacchi sono da sempre simbolo di indagine poliziesca e qui non fa eccezione.
Ecco un po’ di scena gustose.

L.

– Ultimi post simili:

Pubblicato in Televisione | Lascia un commento

Battleship Galactica 3×06 (2006)

Grazie al mio amico e lettore Giuseppe ho scoperto il mondo di BSG e ne sono stregato: questo post rientra in una serie di contributi che spargerò nella blogosfera.

Dalla nascita della fantascienza, quando si viaggia nello spazio si gioca a scacchi: poteva esimersi dal “nobil giuoco” l’equipaggio di Battlestar Galactica?

Nella puntata 3×06 (Odio e rancore, 3 novembre 2006) vediamo la strana scacchiera del futuro a cui gioca Boomer (a destra).

L.

– Ultimi post simili:

Pubblicato in Televisione | 2 commenti

Incidentals 13 (2018)

Illustrazione di Ryan Brown

Splendida illustrazione di Ryan Brown per il numero 13 (volume 3, numero 4) della testata a fumetti “Incidentals” della Catalyst, che trovate su Amazon a meno di tre euro.

Cover di Ryan Brown

L.

– Ultimi post simili:

Pubblicato in Fumetti | Lascia un commento

L’uomo bianco (2018)

Elaborazione dell’Ufficio grafico Feltrinelli

Nuova copertina scaccosa della Feltrinelli, casa molto affezionata al “nobil giuoco” per le copertine. Stavolta si tratta de “L’uomo bianco” di Ezio Mauro, uscito nell’ottobre 2018.

Ecco la trama:

Dove comincia e dove finisce, come cambia la normalità italiana? I malumori, tornatene al tuo Paese, i calci, i pugni, l’insofferenza: “Perché sei qui, negro di merda?”. Pensiamo di essere rimasti uguali a noi stessi, mentre stiamo diventando attori individuali di un cambiamento collettivo. È una scala privata, invisibile, che scendiamo passo dopo passo, fino all’intolleranza, finché qualcuno spara ai “negri”. E proprio in quel momento, se guardiamo chi impugna il fucile, vediamo materializzarsi l’uomo bianco, ciò che certamente noi siamo ma che non ci siamo mai accontentati di essere. Ma come è stato possibile regredire fino alla nostra
identità biologica? Perché, abituati a dare la colpa di ogni cosa alla politica, non siamo neppure in grado di cogliere in questo rancore diffuso la sconfitta nostra, della cosiddetta società civile? Sono le domande a cui Ezio Mauro prova a rispondere in queste pagine che scavano fino all’osso della mutazione in atto e ci lasciano nudi e sgomenti davanti alla fragilità del costume collettivo. Una riflessione impeccabile sulle contraddizioni della democrazia italiana e di una politica azzerata che non sa trovare soluzioni né per la sicurezza degli uni né per la disperazione degli altri, nutrendo e nutrendosi di paura e rabbia. Per scendere nell’inferno di questa trasformazione, Mauro si fa guidare e ci guida attraverso la più simbolica storia dell’Italia recente, che ha diviso il prima dal dopo: a Macerata, il 3 febbraio 2018, Luca Traini impugna una pistola e spara a caso contro tutte le persone di colore che incontra. È un gesto che non viene dal nulla ma, al contrario, si è avvalso di un clima di legittimazione strisciante, proprio di quel senso comune parallelo che si sta muovendo dentro di noi. Siamo sconfitti una volta per tutte quando il destino degli altri non ci interpella più: “Purché non qui da noi, finiscano dove vogliono, finiscano come possono, finiscano comunque. Purché finiscano”. Non era così, non lo permettevamo a noi stessi.

L.

– Ultimi post simili:

Pubblicato in Libri | Lascia un commento

Rudy X: Dossier Phoenix-13 (1989)

Prima di darlo via – dopo più di dieci anni a prender polvere su uno scaffale – presento questo fumetto spy creato dal milanese Rinaldi Traini, il fondatore di Comic Art: “Rudy X, manager dell’avventura” che non disdegna una intera pagina scacchistica, nella sua storia Dossier Phoenix-13 (Grandi Eroi n. 44, 15 settembre 1989, Editrice Comic Art). Quale spia non sa gestire il “nobil giuoco”?

L’albo riporta i seguenti crediti, che ho completato con i nomi perché odio l’abitudine italiana di citare solo i cognomi:

  • Soggetto: Rinaldo Traini
  • Sceneggiatura: Rinaldo Traini e Giorgio Pedrazzi
  • Layout: Rodolfo Torti
  • Disegni: Fabrizio Coletta con la collaborazione di Massimo Rotundo e Franco Saudelli

Non so perché i disegni siano affidati a Coletta ma in copertina la firma riporta “Tortelli”.

L.

– Ultimi post simili:

Pubblicato in Fumetti | Lascia un commento

[CitaScacchi] Scacchi negli spot televisivi

Elenco in continuo aggiornamento: cliccate sui link per il filmatino della sequenza.

Originariamente questo elenco faceva parte del sito “CitaScacchi”, ma sto trasportando qui in WordPress il materiale raccolto in tanti anni.

L.

Pubblicato in Televisione | Lascia un commento

007 Dalla Russia con amore (1963)

Il passaggio sul canale TV8, lunedì 1° ottobre 2018, del film “007 Dalla Russia con amore” (From Russia with Love, 1963) di Terence Young (disponibile in DVD Warner) è stata un’occasione per catturare schermate ad alta qualità del celebre inizio, con la spia campione di scacchi ceco Kronsteen (Vladek Sheybal) in pieno campionato a Venezia, contro il canadese MacAdams (Peter Madden).

L.

– Ultimi post simili:

Pubblicato in Film | Lascia un commento

Partita a scacchi con Tolstoj (1907)

Tolstoj gioca con Michel Souchotine

Mi sono capitate sotto gli occhi due foto del celebre romanziere russo Lev Nikolaevič Tolstoj intento agli scacchi e ne approfitto per presentarle.

La prima, in alto, ritrae Tolstoj intento a giocare contro suo genero Michel Souchotine, mentre la moglie e due figli (Andre e Michel) guardano. (Fonte: Wikimedia Commons.)

La seconda, in basso, è molto celebre anche se non viene quasi mai presentata con i crediti. Ritrae Tolstoj intento a giocare con il giovane figlio del suo editore, Vladimir G. Čertkov: è quest’ultimo che scatta la foto, nella celebre tenuta di Jàsnaja Poljana.

Tolstoj gioca con il figlio del suo editore (Photo courtesy of Topfoto)

Ricordo infine che sono note le mosse di cinque partite a scacchi giocate dal romanziere.

L.

Pubblicato in Arte | 4 commenti